Autismo e Sindrome di Asperger

Lo Studio è attrezzato ed organizzato per un intervento specialistico nei confronti di bambini ed adolescenti con diagnosi di disturbo generalizzato dello sviluppo o, più specificatamente, diagnosi di autismo o sindrome di Asperger.

Tutti i piani di intervento sono strutturati in modo perfettamente aderente a quanto raccomandato dalle Linee Guida S.I.N.P.I.A. per il trattamento dello Spettro Autistico nei bambini e negli adolescenti, emesse dal Ministero della Salute.

In considerazione delle caratteristiche del bambino, sarà possibile seguire:

  • Un programma T.E.A.C.C.H (“Questo programma ha mostrato, in alcuni studi di coorte, di produrre miglioramenti sulle abilità motorie, le performance cognitive, il funzionamento sociale e la comunicazione in bambini con disturbi dello spettro autistico” Estratto dalle Linee Guida SINPIA per il Trattamento dello Spettro Autistico nei bambini e negli adolescenti, Istituto Superiore della Sanità.
  • Un programma A.B.A. (“Tra i programmi intensivi comportamentali, il modello più studiato è l’analisi comportamentale applicata – Appliedbehaviourintervention ABA – gli studi sostengono una sua efficacia nel migliorare le abilità intellettive (QI), il linguaggio e i comportamenti adattivi nei bambini con disturbi dello spettro autistico”, Estratto dalle Linee Guida SINPIA per il Trattamento dello Spettro Autistico nei bambini e negli adolescenti, Istituto Superiore della Sanità.

Il piano di intervento è condiviso, in modo chiaro a trasparente, sia con la famiglia che con la ASL di appartenenza.

Il piano di intervento può prevedere sia moduli da svolgersi in sede che moduli da svolgersi presso strutture collegate, come piscine o centri ippici.

I professionisti che hanno in carico il bambino operano sia individualmente che in equipe, poiché spesso è necessario un intervento di tipo multidisciplinare per ottimizzare i risultati.

Oltre agli incontri individuali, è possibile anche l’inserimento in un piccolo gruppo omogeneo per età, patologia, livello di sviluppo.

Il piano di intervento prevede anche un lavoro di rete, ossia il coinvolgimento di tutti i principali agenti educativi del bambino (come la coppia genitoriale e gli insegnanti), affinché sia possibile operare nei diversi ambienti sui medesimi obiettivi ed ottenere sia risultati in tempi più brevi che un consolidamento effettivo delle competenze acquisite.

Poiché è nostra convinzione che anche dei genitori informati e partecipi possano dare un grande contributo all’intervento terapeutico, lo Studio favorisce l’incontro e lo scambio di informazioni tra le famiglie che lo desiderano, mette a disposizione una bibliografia dedicata, pubblica in bacheca eventi e materiali giudicati interessanti.

Alcuni testi consigliati sullo Spettro Autistico

AUTORETITOLOEDITORE
Asperger H. (1944, it 2003)“Bizzarri, isolati e intelligenti”Erickson Trento
Attwood T. (1998, it 2006)“Guida alla Sindrome di Asperger: diagnosi e caratteristiche evolutive”Erickson Trento
Baron Cohen S. (1997)“L’autismo e la lettura della mente” Astrolabio Roma
Borellini F. & Gruppo Asperger Onlus (2003)“Una scuola su misura: bambini con Sindrome di Asperger nella scuola primaria”Erickson Trento
Cornaglia Ferraris P. (2002)“Dicono che sono Asperger”Erickson Trento
Cornaglia Ferraris P. (2002)“Io sento diverso. Cosa pensa un bambino di 10 anni con la Sindrome di Asperger”Erickson Trento
Cohen D.J. & Volkman F. (1997, it.2004)“Autismo e Disturbi Generalizzati dello Sviluppo, Vol 2 -Strategie e Tecniche di Intervento”Vannini Gussago
Cottini L. (2002)“L’integrazione scolastica del bambino autistico”Carocci Roma
Gray C. (2004)“Il libro delle storie sociali: ad uso delle persone con disturbi autistici per apprendere le abilità sociali”Vannini Gussago
Renault I. (2010) “Sindrome di Asperger a sessualità: dalla pubertà all’età adulta”LEM Milano
Howlin P., Baron Cohen S., Hadwin J. (1999)“Teoria della mente e autismo”Erickson Trento
Peeters T. (1998) (ed. it. A cura di P. Visconti)“Autismo infantile: orientamenti teorici e pratica educativa” Phoenix Roma
Rogers S. & Dawson G. (2010) “Early Start Denver Model: intervento precoce per l’autismo” Omega Torino
Shopler E.et al. (ed.It.a cura di C. Hanau) (1995)“Strategie educative nell’autismo” Masson Milano
Shopler E. (1998) “Autismo in famiglia: manuale di sopravvivenza per genitori”Erickson Trento
Segar M. (2009) “Guida alla sopravvivenza per persone con sindrome di Asperger” LEM Milano
Smith C. (2003, it 2006) “Storie sociali per l’autismo: sviluppare le competenze interpersonali e le abilità sociali” Erickson Trento
S.I.N.P.I.A. (Ottobre 2011) “Linee guida per il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti” Consultabile dal sito Istit. Super.Sanità
Wehman P., Renzaglia A., Bates P. (1984, it 1988)“Verso l’integrazione sociale: formazione alle abilità di vita” Erickson Trento
Xaiz C. & Micheli E. (2001) “Gioco e interazione sociale nell’autismo” Erickson Trento

Lo Studio si avvale di più professionisti, specializzati in ambiti diversi (come psicologi, neuro psicomotricisti, logopedisti, psicoterapeuti), grazie ai quali è possibile la presa in carico globale del soggetto in difficoltà ed un intervento multidisciplinare, in tempi rapidi e con risultati efficaci.